Atomic Industries vuole cambiare il modo in cui viene prodotta la plastica
CasaCasa > Blog > Atomic Industries vuole cambiare il modo in cui viene prodotta la plastica

Atomic Industries vuole cambiare il modo in cui viene prodotta la plastica

Jul 15, 2023

A meno che tu non lavori nel settore manifatturiero o nella progettazione di prodotti, probabilmente non hai passato molto tempo a pensare a come vengono realizzate le forme di plastica. Guardati intorno: vedi qualcosa con un involucro di plastica? Probabilmente era stampato a iniezione e lo strumento utilizzato per realizzare la plastica era probabilmente una vera seccatura nella produzione degli estrattori. Atomic Industries sta prendendo un settore che attualmente è in parte scienza e in parte arte, alimentato da abili produttori di utensili artigiani, e sta aggiungendo uno strato di software al mix nel tentativo di rendere la produzione di utensili più economica, più veloce e più ripetibile.

Oggi, la società ha annunciato di aver raccolto 3,2 milioni di dollari da Point72 Ventures, 8VC e Toyota Ventures per automatizzare ed evolvere i flussi di lavoro esistenti. Inizialmente, il software che Atomic sta creando sarà per uso interno, ma il piano è di renderlo eventualmente disponibile ad altre società.

L'immissione di qualsiasi prodotto sul mercato prevede una serie di passaggi che includono la ricerca e lo sviluppo del prodotto. Ma una volta che si arriva alla fase vera e propria in cui vuoi produrre un prototipo o passare alla produzione di quell'articolo, devi capire come lo produrrai. A seconda del volume di parti che devi realizzare, la realizzazione di utensili e matrici diventa un ruolo cruciale per praticamente tutto ciò che utilizziamo quotidianamente. La produzione di utensili è incredibilmente complessa: come sottolinea Elon Musk, in molti casi, gli strumenti utilizzati per realizzare parti in plastica sono più complicati delle parti che vengono realizzate. Curiosamente, viene spesso svolto da persone che hanno molta esperienza e hanno imparato il mestiere attraverso l'apprendistato.

"Di solito non vai al college per imparare questo genere di cose, e nessuno si fida davvero di te finché non hai i capelli grigi", osserva Aaron Slodov, CEO e co-fondatore di Atomic Industries. “Devi sapere quanto è producibile qualcosa, e molto di ciò ha a che fare con i macchinari che effettivamente pompano le tue parti. Queste macchine hanno dei vincoli e le uniche persone che sanno davvero come applicarli sono quelle che progettano lo strumento nella tintura, o lo stampo a iniezione, o qualunque cosa tu stia utilizzando.

Gli strumenti di produzione sono estremamente costosi e rappresentano un collo di bottiglia critico nella produzione della maggior parte dei beni. Le fabbriche generalmente non possono produrre parti senza attrezzature complesse (stampi, matrici, pezzi fusi, ecc.) progettate da artigiani esperti le cui conoscenze mantengono vivo il settore. L'approccio di Atomic introdurrà l'automazione nei flussi di lavoro tradizionali che miglioreranno la produttività per ordini di grandezza. L'obiettivo dell'azienda è ridurre il maggior numero possibile di barriere nella produzione di utensili e stampi. La visione a lungo termine del team è rendere la produzione accessibile, scalabile e ripetibile. L’automazione della produzione di utensili e stampi, sostiene l’azienda, è una parte cruciale di questo percorso. Il piano è iniziare con qualcosa di prezioso ma per ora un po’ meno ambizioso.

“Un produttore di utensili e stampi generalmente riceve un file CAD da un cliente, per qualcosa che deve produrre. Il loro compito è progettare lo stampo o lo strumento per quella parte. C'è qualcuno che progetta questo complesso stampo a iniezione, che poi deve essere fabbricato. Infine, deve essere testato per assicurarsi che le parti che escono dallo stampo soddisfino le specifiche delle esigenze del cliente”, spiega Slodov. “Potrebbero specificare tolleranze molto strette, ad esempio. Per fare ciò, devi avere un design davvero buono, che è qualcosa che è guidato dall’intuizione umana e dall’esperienza per la maggior parte del tempo.

In poche parole, Atomic sta tentando di sostituire l'intuizione umana e l'ineffabile esperienza di un esperto produttore di strumenti con un software che utilizza fisica e algoritmi.

“Invece di eseguire una simulazione e poi ripetere la progettazione, il nostro software fa sì che la simulazione e la progettazione avvengano simultaneamente. È molto più veloce ed è più scalabile”, spiega Slodov. La parte scalabile è perché il software può parallelizzare molto meglio degli umani. “Non puoi inserire più di un designer umano in un lavoro; aggiungere più designer non rende il tutto più veloce in questo tipo di lavoro”.